SCOPRI GLI ORARI DI AGOSTO!
4 Marzo 2020

Griglie sottoperiostee, gli impianti per i casi di mancanza di osso più gravi: ecco come funzionano

Luigi Colombo

Abbiamo già parlato delle tecniche di rigenerazione ossea più comuni che danno la possibilità anche a chi soffre di gravi deficit ossei di potersi sottoporre a un intervento di implantologia e, più in generale, di ottenere una riabilitazione delle arcate dentarie mediante protesi fisse.

Se, in passato, la mancanza di osso poteva rendere impossibile il caricamento di un impianto, oggi - grazie alle nuove tecniche e all’attuale tecnologia in campo odontoiatrico - l’atrofia ossea non rappresenta più un ostacolo per coloro che hanno bisogno di riabilitare la propria bocca con soluzioni fisse (è il caso, per esempio, degli impianti zigomatici).

Una tecnica di riabilitazione che può essere applicata pressoché sempre, anche quando l’atrofia ossea è molto grave e le altre tecniche non hanno avuto successo, sono gli impianti sottoperiostei, o griglie sottoperiostee.

Intervistiamo il dottor Colombo Luigi, dottore in Odontoiatria e Protesi Dentaria che si occupa di Chirurgia e Implantoprotesi negli studi Brush, per saperne di più riguardo a questa tecnica.

 

Cosa sono gli impianti sottoperiostei?

Si tratta di impianti che vengono utilizzati quando non è possibile inserire un impianto tradizionale osteointegrato poiché la quantità dell’osso mascellare o mandibolare è del tutto insufficiente per sostenere questo tipo di impianto oppure perché le altre tecniche di rigenerazione ossea non hanno funzionato.

In questi casi si ricorre agli impianti sottoperiostei che sono costituiti da griglie in titanio sulle quali vengono montate le arcate dentarie fisse.

 

Gli impianti sottoperiostei si possono usare sempre?

Tendenzialmente sì, non ci sono particolari situazioni o patologie che impediscono l’applicazione di questa tecnica.

Da una parte per il materiale di cui sono fatte le griglie, il titanio: è un metallo altamente biocompatibile e senza praticamente rischi di allergia per il paziente; dall’altra perché le griglie sono del tutto personalizzate, vengono infatti realizzate partendo dallo stampo dell’osso residuo del paziente.

Per questi motivi le griglie sottoperiostee sono l’ideale anche nel caso di pazienti con totale mancanza di denti, benché si possano utilizzare senza problemi quando i denti da rimpiazzare sono pochi.

 

Dopo l’intervento quanto bisogna aspettare prima di poter caricare una protesi provvisoria?

Dopo aver messo una griglia sottoperiostea è subito possibile caricare una protesi dentale provvisoria: questo perché la griglia non ha bisogno di osteointegrarsi (come un tradizionale impianto), non viene fatti inserita all’interno dell’osso ma è semplicemente appoggiata all’osso sotto al periostio, ovvero la membrana che riveste il tessuto osseo.

Siccome non è necessario che l’impianto si integri con l’osso, spariscono i tempi d’attesa richiesti per il caricamento di una protesi con l’implantologia tradizionale.

La griglia viene fissata all’osso attraverso speciali viti chiamate viti osteosintesi, in grado di osteointegrarsi con l’osso alle quali vengono avvitate.

 

Qual è il procedimento se ci si sottopone a un intervento di  impianto sottoperiosteo?

Quando si decide di procedere con un intervento di questo tipo si devono seguire alcuni passaggi:

Gli impianti sottoperiostei sono sicuri?

Si tratta di una tecnica più invasiva rispetto a un tradizionale impianto ma la sua percentuale di successo è molto alta ed è davvero applicabile nella quasi totale maggioranza dei casi che richiedono un impianto dentale in presenza di gravi deficit ossei.

Viene consigliata in quei casi nei quali le altre tecniche di rigenerazione ossea non hanno funzionato o non sono applicabili.

 

Come sapere se si ha bisogno di un impianto sottoperiosteo?

Bisogna recarsi dal dentista in modo tale che vengano valutate le condizioni di partenza del paziente attraverso una TAC tridimensionale delle arcate dentarie che consente di avere una visione molto dettagliata della condizione e spessore dell’osso residuo e della sua qualità.

Negli studi Brush di Vimercate, Bollate e Desio abbiamo la possibilità di eseguire la TAC direttamente in sede in modo tale da valutare la situazione in modo immediato.

 

Vuoi maggiori informazioni riguardo agli impianti sottoperiostei? Scrivici!

Vuoi saperne di più?

Scrivici per avere maggiori informazioni.
Ti contatteremo appena possibile.

RICHIEDI INFORMAZIONI

Lettura interessante?

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere una volta al mese consigli e altri contenuti di interesse sulla salute orale!

Scopri gli articoli correlati

Una bocca sana migliora le prestazioni sportive: qual è il legame tra salute orale e performance fisiche?

Nel mondo dello sport ogni dettaglio può fare la differenza tra una […]

La salute orale come chiave per la longevità: il ruolo centrale della cura della bocca per il benessere dell'organismo

La salute orale è spesso vista come un aspetto distinto e isolato […]

Brush continua la tradizione del panettone solidale a sostegno della ricerca sulla fibrosi cistica

Nel periodo delle Feste una scelta sempre più diffusa e apprezzata è […]

© BLUE SMILE S.r.l. - info@brushclub.it - p.iva 07405040960 - REA n. MB - 1877223 | privacy | cookies
Powered by DODICIDI
Compagnia Assicuratrice : Sara Assicurazioni Spa | Polizza n.ro 50 42502SD | Effetto 14/04/2023 | Massimale Assicurato RCT/RCO € 2.500.000,00.
crossmenu linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram