SCOPRI GLI ORARI DI AGOSTO!

Denti del giudizio o terzi molari: perché li abbiamo, a cosa servono e perché a volte bisogna toglierli? Ecco tutto quello che c’è da sapere

I denti del giudizio sono tristemente famosi: molte persone devono farci i conti quando cominciano a dare problemi ed è necessario estrarli.

Che senso ha avere quattro denti che possono rimanere sotto la gengiva tutta la vita ma, se escono, in alcuni casi vanno rimossi?

Vanno estratti sempre? Perché fanno male? Tutti li abbiamo?

Se vi siete mai posti queste domande questo approfondimento fa per voi: andiamo a scoprire insieme tutto quello che c’è da sapere sui denti del giudizio.

 

Cosa sono i denti del giudizio e perché si chiamano così?

Il nome dei denti del giudizio in realtà è “terzi molari”: si tratta infatti di quattro molari (due nell’arcata superiore e due in quella inferiore) e sono gli ultimi denti a erompere, oltre a essere anche gli ultimi lungo l’arcata dentale.

Sono chiamati “del giudizio” proprio perché, essendo gli ultimi a uscire dalla gengiva, erompono di solito in età adulta (tra i 17 e i 25 anni circa, anche se possono spuntare prima o dopo).

 

Perché abbiamo i denti del giudizio?

Che senso ha avere quattro denti che talvolta poi bisogna togliere?

Per rispondere a questa domanda dobbiamo intraprendere un breve viaggio nell’evoluzione umana.

I nostri antenati avevano terzi molari di una dimensione fino a quattro volte maggiore di quella attuale: questi denti erano necessari per masticare radici e carne cruda, entrambi presenti nella dieta preistorica, ma la loro dimensione significativa dipendeva anche da altro.

La biologa Kathryn Kavanagh nel 2007 presentò un modello teorico secondo il quale, quando un dente si sviluppa, emette segnali che stimolano o reprimono il dente più prossimo determinando così la dimensione dei denti vicini tra loro (senza che ci fosse un legame con la dimensione totale della dentatura), sottolineando come i terzi molari - essendo gli ultimi denti - avessero la possibilità di raggiungere dimensioni molto maggiori.

Circa due milioni anni fa con lo sviluppo dell’Homo Sapiens le regole sono leggermente cambiate: la dimensione di ogni singolo dente inizia a dipendere dalla dimensione totale della dentatura e ciò ha causato una diminuzione sproporzionata dei terzi molari, fino ad arrivare agli attuali denti del giudizio.

 

I denti del giudizio hanno una funzione?

I denti del giudizio servono a qualcosa?

La risposta è no.

Si tratta di un retaggio ancestrale, un’eredità lasciataci dai nostri antenati ma che non ha alcuna funzione pratica per la masticazione o il linguaggio ai giorni nostri.

Anzi, come vedremo tra poco, in più di un caso i denti del giudizio rappresentano un problema da risolvere.

 

I denti del giudizio erompono sempre? Tutti li hanno?

Come sappiamo l’evoluzione tende a mantenere le caratteristiche utili per una specie e a “perdere lungo il cammino” quelle inutili o dannose: questo però è un processo che dura migliaia di anni.

Attualmente può accadere che qualche individuo nasca già senza denti del giudizio, ma non è la norma; è lecito aspettarsi, invece, che nel futuro (tra centinaia o migliaia di anni) gli esseri umani nasceranno senza denti del giudizio.

Più comune è invece il caso di persone che hanno i denti del giudizio che rimangono tutta la vita sotto la gengiva, senza mai erompere o dare fastidi tali da doverli estrarre.

 

Quando bisogna estrarre i denti del giudizio?

In alcuni casi i denti del giudizio erompono come gli altri denti, senza dare fastidi o problemi poiché hanno a loro disposizione abbastanza spazio per farsi strada agilmente e sono nella posizione corretta.

Anche in questi casi,tuttavia, può capitare di doverli estrarre: ma perché se non fanno male?

1Denti del giudizio cariati
La loro posizione in fondo all’arcata dentale li rende molto difficili da raggiungere con lo spazzolino e il filo interdentale per una corretta igiene orale e, per questo, tendono a cariarsi facilmente.

Otturare o (ancora peggio) devitalizzare un dente del giudizio non è semplice come negli altri denti: semplicemente per la loro posizione talvolta non è possibile garantire la resa ottimale di un’otturazione e il rapporto costo/beneficio dell’otturare la carie è sfavorevole; in questi casi, quindi, si sceglie di estrarli.

Se, però, un dente del giudizio che ha una carie (superficiale) è erotto in maniera corretta (come se fosse un altro molare) e ha abbastanza spazio lungo l’arcata (se - insomma - soddisfa le condizioni affinchè l’otturazione abbia un rapporto costo / beneficio vantaggioso) si può otturare senza problemi e non è necessario estrarlo.

2Denti del giudizio da devitalizzare
Cosa succede se la carie è profonda ed è necessario devitalizzare il dente?

In questo caso si tende ad estrarlo: mentre conosciamo perfettamente l’anatomia degli altri denti (e la disposizione dei canali al loro interno) non accade lo stesso con i denti del giudizio che di solito presentano una disposizione dei canali anomala e non predicibile; per questo, nel caso di una carie profonda che richiede una devitalizzazione, di solito il dente del giudizio viene estratto.

3Denti del giudizio parzialmente erotti o sotto gengiva
In altri casi per mancanza di spazio i terzi molari possono erompere solo a metà, o solo con una piccola porzione: in questo caso le infiammazioni e le infezioni sono frequenti perché i batteri si vanno ad annidare sotto la gengiva approfittando dallo spazio creato dall’uscita del dente, dando luogo a episodi dolorosi e frequenti da trattare con antibiotici.

Se gli episodi sono ricorrenti, la migliore soluzione è estrarre il dente (o i denti).

Infine ci sono casi in cui il dente del giudizio non ha nessuno spazio per erompere (oppure si trova sotto la gengiva ma sdraiato) e quindi la spinta per uscire si traduce in un tentativo inutile ma che causa dolore e infiammazione; anche in questo caso, se il problema si verifica spesso l’estrazione dei denti del giudizio è consigliata.

 

Estrarre i denti del giudizio fa male?

L’estrazione in sé non fa assolutamente male poiché viene praticata in anestesia locale e, se il paziente lo desidera, anche utilizzando la sedazione cosciente con protossido d’azoto.

L’intervento e il recupero post operatorio dipendono dalla condizione del dente da estrarre: se si tratta di un dente già erotto l’intervento è semplice e piuttosto veloce, e anche il post operatorio sarà rapido e con poco dolore e/o infiammazione.

Diversa la situazione se si tratta di un dente parzialmente erotto oppure del tutto sottogengiva: in questi casi l’intervento è un po’ più complesso e anche il recupero dopo l’operazione sarà leggermente più impegnativo ma comunque totalmente gestibile.

In ogni caso l’estrazione dei denti del giudizio (in qualsiasi condizione essi siano) è un’operazione di routine che viene praticata continuamente, con alte probabilità di successo e rischi minimi: sono inoltre disponibili farmaci e se necessari antibiotici per controllare dolore e infiammazione post operatori.

Una cosa che è importante sapere è che se si ha un dente del giudizio infiammato e/o infetto non è possibile estrarlo in questa condizione: il dentista prescriverà una cura antibiotica per eliminare l’infezione e, solo una volta tornato in condizioni normali, sarà possibile estrarlo.

 

Come sapere se devo estrarre un dente del giudizio?

Se il dente fa male è necessaria una visita dentistica: con una semplice esplorazione visiva il dentista è in grado di determinare se il dente è cariato o se la gengiva è infetta.

Attraverso una radiografia panoramica digitale è possibile vedere la posizione del dente sotto la gengiva e, nei casi più complessi, con una TAC 3D si va a esaminare la vicinanza di eventuali nervi a cui prestare attenzione nel caso di estrazione.

Con tutte queste informazioni il dentista decide se è il caso di rimuovere il dente del giudizio che, come abbiamo detto prima, verrà estratto solo dopo che un’eventuale infezione è passata grazie ad antibiotici e a una pulizia per rimuovere eventuale tartaro sottogengivale che causa infiammazione.

Nei nostri studi BlueSmile sia la panoramica digitale che la TAC 3D vengono realizzate in loco e al momento, senza necessità di dover prendere appuntamento presso altre strutture: in questo modo la diagnosi è immediata e tutto il processo viene preso in carico dallo stesso dentista.

Vuoi saperne di più?

Scrivici per avere maggiori informazioni.
Ti contatteremo appena possibile.

RICHIEDI INFORMAZIONI

Lettura interessante?

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere una volta al mese consigli e altri contenuti di interesse sulla salute orale!

Scopri gli articoli correlati

Faccette dentali estetiche: cosa aspettarsi dal trattamento con Smile Design negli studi Brush

Ti raccontiamo tutto il percorso che intraprenderai se decidi di migliorare il […]

Macchie bianche sui denti: cause, prevenzione e trattamento

Nell’immaginario comune la percezione di denti bianchi si contrappone a quella di […]

Negli studi Brush paga anche in 3 rate senza interessi con Scalapay

Brush si prende cura di ogni aspetto dell’esperienza che offre ai pazienti […]

© BLUE SMILE S.r.l. - info@brushclub.it - p.iva 07405040960 - REA n. MB - 1877223 | privacy | cookies
Powered by DODICIDI
Compagnia Assicuratrice : Reale Mutua Assicurazioni | Polizza n.ro 2022/03/2487678 | Effetto 14/04/2022 | Massimale Assicurato RCT/RCO € 1.000.000,00.
crossmenu linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram